La Fede in tempo di Pandemia
Mostra virtuale dicembre 2020

L’Italia e il mondo hanno riscoperto di colpo cosa voglia dire vivere una pandemia. 

 

Non è stata la prima volta. In tante altre occasioni infatti, morbi da principio incurabili sono emersi dal nulla, provocando sconforto, morti, paura. Gli ex-voto ne sono una straordinaria testimonianza, e storica e artistica. Nelle nove tavolette di questa prima mostra virtuale della Fondazione P.G.R. – realizzata anche grazie alla generosità di alcuni collezionisti privati, che ringraziamo vivamente – il visitatore potrà ripercorrere alcune tappe di questa storia spesso dimenticata.

Fede Materiale
12 settembre 2019 - 28 febbraio 2021 

La Fondazione Per Grazie Ricevute (P.G.R.) con la mostra “Fede Materiale”, espone circa 60 composizioni di oltre 1200 oggetti di diverse leghe e materiali. I pezzi utilizzati provengono dall’unione di una preziosa raccolta privata donata alla Fondazione Per Grazie Ricevute (P.G.R.), nel 2014 e dalla generosa collaborazione di collezionisti.


Le forme semplici utilizzate suggeriscono ai visitatori una lettura leggera dell’ex~voto. Questi piccoli oggetti inseriti all’interno di un disegno raccontano con figure geometriche e stilizzate, l’artigianalità del singolo oggetto che racchiude diverse differenze stilistiche, culturali e temporali.


Altri oggetti di diverso e prezioso materiale come la cera e il legno troveranno collocazione all’interno delle sale espositive, costruendo insieme ai piccoli oggetti una narrativa semplice, di ampio respiro e di straordinario valore.

20 marzo 2018 - 19 luglio 2019 | 23.850 visitatori
Buena Suerte Milagros de México

La mostra “Buena Suerte, Milagros de México” è stata realizzata con circa 300 retablos (ex~voto) contemporanei provenienti da una collezione privata e impreziosita da oggetti antichi e moderni di devozione popolare e raccontava tutto il folklore e la passione del Messico.

Le piccole lamine votive esposte sulle pareti, come pezzi di un grande puzzle, narravano di una colorata e spesso ironica quotidianità contaminata da antiche leggende popolari, come il Chupacabra, la Llorona, i Calaveras, il Día de los muertos, e la Catrina.

I contenuti dell’esposizione:  

  • Storia e Tradizioni

  • I Pittori contemporanei
  • Figure Sacre

Archivio Curiosità

Fede tra Ferro e Fuoco
1 marzo 2017 - 23 febbraio 2018 | 8.400 visitatori
15 giugno 2016 - 28 gennaio 2017 | 6.500 visitatori

La  mostra  Fede  tra  Ferro  e  Fuoco è stata realizzata,  in occasione del centenario della Prima Guerra Mondiale, con l’obiettivo di creare un percorso museale incentrato su cinque scenari bellici di rilevanza storica in Italia e che hanno coinvolto anche la maggior parte della popolazione mondiale: il Risorgimento Italiano, la Prima Guerra Mondiale, la Guerra di Spagna, la Seconda Guerra Mondiale e le Guerre d’Africa. Un  lungo  viaggio  che  ha visto protagonisti  negli  ex~voto  soldati  sopravvissuti  agli  scontri  a  fuoco e  donne  devote che  hanno pregato per la salvezza dei propri cari al fronte, ma anche incidenti aerei e battaglie navali.

I contenuti dell’esposizione:  

  • Prima Guerra Mondiale 

  • Guerra di Spagna e Alpini 

  • Seconda Guerra Mondiale e Guerre d'Africa

  • Sono stati esposti carteggi di Teresa Stampa.

110 Miracoli Incredibili

La mostra “110 miracoli incredibili” è stata un’esposizione dai contenuti lievi e particolari, un viaggio in epoche e paesi diversi, dal XV al XX sec. passando dall’Italia, all’Austria, dal Portogallo, al Messico, per rivivere grazie all’immediatezza delle tavolette votive momenti di vita quotidiana e periodi storici importanti. 
La mostra era multi-tematica: sono state esposte le tipologie di miracolo di cui la Fondazione non aveva sufficienti tavolette per proporle come una mostra a se ma che al contempo meritavano di essere mostrate al pubblico.

I contenuti dell’esposizione:  

  • I mezzi di trasporto, un percorso tra i progressi tecnologici dei mezzi e le immagini   più divertenti e fiabesche.

  • I crolli per “incurie edilizie” o calamità e le aggressioni di persone

  • I suicidi, l’inquisizione e i tribunali.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano
10 novembre 2015 – 28 maggio 2016 | 11.200 visitatori

La  mostra  Dacci oggi il nostro pane quotidiano è stata realizzata,  in occasione di Expo 2015. Dall’antichità ai giorni nostri il pianeta, la terra, il raccolto, il cibo, sono sempre stati vissuti come risorse di ricchezze fondamentali, protetti da preghiere, celebrati con feste, fiere, manifestazioni. Il raccolto, in particolare, è sempre stato inteso come segno di vita e di rinascita, fonte di cibo, simbolo di floridezza e mezzo di scambio. Gli ex~voto che sono stati esposti hanno espresso la gratitudine per questo bene prezioso e rivolto alla divinità la preghiera affinchè il raccolto fosse sempre costante e abbondante per assicurare la sopravvivenza, anche in un lungo inverno.

I contenuti dell’esposizione: 

•Prima Guerra Mondiale 

•Guerra di Spagna e Alpini 

•Seconda Guerra Mondiale e Guerre d'Africa

•Sono stati esposti carteggi di Teresa Stampa.

Navigando tra gli Ex~Voto
29 aprile – 20 dicembre 2014 | 900 visitatori

La  mostra Navigando tra gli ex~voto è stata un’esposizione di  70 tavolette che hanno ripercorso un arco storico che andava dal XV secolo fino ad arrivare ai bastimenti e alle navi del 1928. Una testimonianza ricca dei terribili pericoli di chi andava e va per mare. Un mare amico, da rispettare, da ringraziare ogni giorno, un mare da temere, tant’è che, ancora oggi, è diffuso il proverbio tra i marinai delle nostre coste “si vaje e tuorne già he fatto ‘nu buono viaggio”.

Le stanze degli Ex~Voto
6 dicembre 2013 – 11 aprile 2014 | 1.100 visitatori

La mostra Le stanze degli ex~voto è stata pensata per promuovere e raccontare la cultura racchiusa negli ex-voto, un’esposizione di tavolette scelte in relazione alla camera da letto in cui il grande scrittore Alessandro Manzoni morì. Un percorso che con la sua attività narrativa ha proposto di raccontare una quotidianità sconosciuta eppure famigliare, volta ad accrescere il già elevato valore della Casa del Manzoni.

Approfondimenti:​